Precompilata 2018, dal 16 aprile disponibile sul sito dell’Agenzia

Si potrà consultare sul sito dell’Agenzia delle Entrate a partire dal 16 aprile la dichiarazione dei redditi precompilata 2018.

L’operazione dichiarazione precompilata 2018 include quasi un miliardo di dati a disposizione del Fisco. I contribuenti potranno visualizzare via web la propria dichiarazione e consultare l’elenco di tutte le informazioni che il Fisco ha avuto a disposizione.

precompilataA partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio si potrà accettare, modificare e inviare il modello 730. Dal 10 maggio al 31 ottobre sarà invece possibile inviare il modello Redditi.

I dati in possesso del fisco sono aumentati del 3,5% rispetto allo scorso anno. Le informazioni in possesso dell’Agenzia delle Entrate sono più di 925 milioni. Questa mole superiore di dati è causata dall’ingresso del paniere dati di nuove voci, come ad esempio gli asili nido (circa 500.000 dati).

Nel dettaglio, sono 720 milioni (+4,3%) i dati delle spese sanitarie sostenute dai cittadini e comunicati da farmacie, studi medici, cliniche, ospedali. Cresce anche il numero delle informazioni relative ai bonifici per ristrutturazioni edilizie (16 milioni, +1,5%). 95 milioni di dati riguardano i premi assicurativi (+1,6%), oltre 3,8 milioni i rimborsi di spese sanitarie (+20,3%), infine, circa 3,5 milioni le spese universitarie (+1,2%).

Dal 16 aprile contribuenti e soggetti delegati potranno visualizzare il modello di dichiarazione precompilata e l’elenco delle informazioni disponibili. Saranno indicati i dati inseriti e quelli non inseriti, oltre alle relative fonti informative.

L’accesso alla propria dichiarazione precompilata è possibile tramite il Sistema pubblico per l’identità digitale (SPID). Sono necessarie le credenziali dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, il Pin rilasciato dell’Inps, e le credenziali di tipo dispositivo rilasciate dal Sistema Informativo di gestione e amministrazione del personale della pubblica amministrazione (NoiPA). E’ inoltre possibile accedere alla dichiarazione precompilata con la Carta Nazionale dei Servizi. Infine è possibile rivolgersi a un Caf o delegare un professionista.

Maggiori informazioni sul sito dell’Agenzia.

You May Also Like