Pagamento con carte: stop ai costi extra

Stop alla maggiorazione applicata al pagamento effettuato con carte di debito o di credito.

Dal 12 gennaio è entrata in vigore la direttiva Ue sui servizi di pagamento con carta di credito o bancomat. Anche quando si vorrà pagare una cifra irrisoria con la propria carta, i commercianti non potranno più esigere un sovrapprezzo.

La direttiva, recepita dalle legislazioni nazionali, impedirà l’applicazione di maggiorazioni ai pagamenti, online e nei negozi, effettuata con le carte. Questa pratica era infatti diffusa in alcuni Stati Ue, soprattutto negli acquisti online (biglietti aerei, ferroviari, camere d’albergo, eccetera). Fino ad ora, inoltre, era comune che i commercianti facessero pagare un costo extra per il pagamento con carta se riteneva che l’importo fosse troppo basso.

Il divieto vale sia per i pagamenti ‘domestici’ che per quelli transfrontalieri. Secondo la Commissione, il divieto di maggiorazione coprirà il 95% dei pagamenti effettuati con carte. La norma comporterà un risparmio cumulato per i consumatori e migliorerà l’esperienza di pagare con carta nell’Ue. Grazie alla nuova direttiva i consumatori europei risparmieranno fino a 550 milioni di euro all’anno. Questa la stima del vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis.

La nuova norma migliora anche la protezione dei consumatori in una serie di campi. Il livello di sicurezza si alzerà soprattutto contro le frodi e altri inconvenienti relativi ai pagamenti. Nel caso di transazioni non autorizzate l’ammontare massimo che il consumatore è costretto a pagare si riduce a 50 euro. Rimangono esclusi i casi di grave negligenza o di frode da parte del titolare della carta.

Secondo Dombrovskis, “questa legge è un altro passo avanti verso il mercato unico digitale nell’Ue. Promuoverà lo sviluppo dei pagamenti innovativi, online e mobili, che porteranno vantaggi per l’economia e la crescita”.

Rimangono però ancora alcune eccezioni. In alcuni Stati membri, infatti, lo stop alle commissioni non si applica ai pagamenti con American Express o PayPal. L’applicazione di un divieto totale è lasciata alla discrezione dei governi nazionali.

You May Also Like