I top trend globali del recruiting nel 2018 secondo LinkedIn

Quali saranno i top trend globali del recuiting nel 2018? La risposta arriva da LinkedIn Talent Solutions, che ha stilato la Global Recruiting Trends 2018: The 4 Ideas Changing How You Hire ( “I trend globali del recruiting nel 2018: le 4 idee che stanno cambiando il modo in cui assumi”), un report che riunisce le opinioni di più di 8,800 recruiter e hiring manager sul futuro della selezione del personale.

Nello specifico, sono 4 i fattori che stanno impattando sempre più il reclutamento di personale: la diversità, nuovi metodi di fare i colloqui, i dati e l’Intelligenza Artificiale.
In testa alla classifica dei top trend globali del recruiting c’è assumere la diversità (78%). Il 78% delle aziende ha spiegato, infatti, che la diversità costituisce una priorità per accrescere la cultura aziendale, e il 62% ha dichiarato che si sta muovendo in tal senso per migliorare le performance finanziarie.
Altro trend globale del recruiting nel 2018 è un nuovo modo di fare i colloqui. Nuove tecniche di colloquio acquistano sempre maggiore peso, quali la verifica delle soft skill dei candidati (63%), la comprensione delle debolezze di un candidato (57%) e dei pregiudizi dei selezionatori (42%).
Altro elemento di punta in questa nuova era di talent intelligence è l’utilizzo dei dati a disposizione per influenzare le assunzioni future. I tre modi principali con cui le aziende impiegano i dati sono per aumentare la conservazione (56%), misurare i gap di competenze (50%), e costruire offerte migliori (50%).
Infine, i recruiter e gli hiring manager di tutto il mondo convengono sul fatto che l’IA sia un elemento importante, che li sta aiutando a risparmiare tempo (67%), eliminare i pregiudizi umani (43%) e porti al match con i migliori candidati (31%). Gli intervistati hanno anche dichiarato che l’IA è utile soprattutto per reclutare (58%), selezionare (56%) e formare i candidati (55%).

Report integrale qui.

L.S.

 

You May Also Like