Tasso di disoccupazione nelle regioni europee nel 2017. Dati Eurostat

Nel 2017 più dell’80% delle regioni del gruppo NUTS 2 dell’Unione Europea ha assistito a un calo del Tasso di disoccupazione delle persone di tutte le fasce di età (15-74anni) rispetto al 2016, di cui circa il 60% ha registrato una contrazione di almeno 0.5 punti percentuali.

Ciononostante, il Tasso di disoccupazione ha continuato a oscillare notevolmente tra le varie regioni dell’Unione, facendo registrare i valori più bassi a Praga (1.7%), e a Trier (2.0%) (Germania), seguito dalle regioni ceche di Střední Čechy e Jihozápad, e da quelle tedesche del Niederbayern e Mittelfranken (entrambe al 2.1%).
Si posizionano sul lato opposto della scala, invece, Dytiki Makedonia (29.1%) (Grecia), la Ciudad Autónoma de Melilla (27.6%) (Spagna), Dytiki Ellada (Grecia) e la Extremadura (Spagna) (ambedue al 26.3%), seguite da Mayotte (25.9%) (Francia), e in Andalucía (25.5%) (Spagna).
Dall’analisi di Eurostat è, inoltre, emerso che circa il 20% delle regioni europee ha un Tasso di disoccupazione pari alla metà, o meno, della media europea (7.6%), con un Tasso del del 3.8% o inferiore nel 2017 in 56 regioni su 275.
Di queste, 21 sono in Germania, 13 nel regno Unito, 7 in repubblica Ceca, 3 in Ungheria e 3 in Austria, 2 in Belgio, Polonia e Romani, e 1 in Bulgaria, Italia e Paesi Bassi.
Di contro, in 31 regioni si registra un Tasso di disoccupazione di almeno il 15.2%, il doppio rispetto alla media Ue. Di queste, 13 sono in Grecia, 9 in Spagna, 5 in Francia e 4 in Italia.
Sul fronte disoccupazione giovanile (15-24), invece, il Tasso medio in Europa si attesta al 16.8%, con notevoli differenze tra le varie regioni, con i valori più bassi in alcune regioni della Repubblica Ceca, Germania e Paesi Bassi, mentre i livelli massimi si registrano in Spagna e Grecia.
Soprattutto, in più di tre quarti delle regioni europee, il Tasso di disoccupazione giovanile è stato almeno il doppio rispetto a quello generale.
Non da ultimo, i dati hanno rilevato che le persone che sono disoccupate da un anno o più è rimasto al 45% nel 2017, con valori minimi in Svezia, Regno Unito Romania, e picchi massimi in Francia e Grecia.

Maggiori info qui.

L.S.

You May Also Like