Turismo sempre più digitale

Anche il turismo diventa digitale. Secondo uno studio dell’Osservatorio innovazione digitale nel turismo del Politecnico di Milano il valore del turismo digitale ha raggiunto i 9,5 miliardi euro, arrivando a coprire il 19% degli acquisti di viaggi e pacchetti vacanze in Italia.

I dati elaborati dall’Osservatorio, discussi nei giorni scorsi alla Ttg, la fiera di settore che ogni anno si tiene a Rimini, rivelano una tendenza destinata a crescere.

turismoLa digitalizzazione del comparto era infatti quantificabile con un 16% solo due anni fa mentre anche laddove resta centrale il ruolo delle agenzie di viaggi tradizionali, si assiste ad una sempre più marcata tendenza a ricorrere al digitale per la pubblicizzazione e l’assistenza alla clientela.

Secondo gli operatori il cambiamento, ormai innescato, dovrebbe essere guidato da un più ampio piano di ammodernamento definito dal Governo per arginare quel ritardo “tecnologico” per cui, secondo i più pessimisti, l’Italia non è più in vetta alla classifica di gradimento dei turisti.

«Lo scenario desiderabile – commenta Roberto Liscia di Netcomm, consorzio del commercio elettronico – sarebbe quello di un sistema turistico capace di stare online in maniera agile, permettendo all’utente di pianificare online la sua vacanza completamente».

Oggi la maggiore richiesta di servizi online riguarda i trasporti, che pesano per il 72% sul totale del valore del turismo digitale, ma sono in crescita anche le prenotazioni alberghiere e l’acquisto dei pacchetti vacanza.

Articoli correlati