Lavoro ideale, consigli e strategie per trovare quello più indicato

Pochi hanno la fortuna di svolgere il proprio lavoro ideale, in tanti lo sognano ma non sanno da dove cominciare per cercarlo. Ecco alcuni suggerimenti.

Si sente spesso parlare di lavoro ideale ma in pochissimi hanno la fortuna di fare davvero ciò che hanno sempre desiderato. In verità l’impiego perfetto non esiste poiché nel corso della vita le persone cambiano, cambiano gli obiettivi, le ambizioni e può capitare di cadere nella routine anche svolgendo la professione dei propri sogni. Quella del lavoro ideale non è quindi una ricerca lineare, vale a dire con un punto di partenza e uno di arrivo, ma piuttosto una costante trasformazione, una evoluzione continua, alimentando la propria motivazione e soddisfazione personale. La formula magica o la ricetta segreta del lavoro ideale purtroppo non c’è, ma esistono comunque valide strategie per andare nella giusta direzione. Ecco alcuni suggerimenti da adottare migliorare la propria condizione:

Ritrovare se stessi anche in ufficio. Per ovvi motivi si è tenuti ad avere una certa condotta quando ci si trova alla propria scrivania, ciò è giusto e normale, ma è male quando cambia diametralmente la propria personalità. Occorre portare un po’ della propria individualità anche tra colleghi o davanti al capo, con garbo certo, ma senza più reprimere il proprio io.

Ricominciare a sognare. Se si avverte la sensazione di aver perso il giusto sentiero o si hanno le idee confuse, bisogna ripensare a quando si era giovanissimi, quando genitori o insegnanti ponevano la classica domanda “cosa vorresti fare da grande?”. Scartando risposte tipo il supereroe o il cowboy, il senso è sostanzialmente ritrovare la spontaneità originale, in questo modo ci si può rifocalizzare e partire alla conquista del lavoro ideale.

Non mollare. Trovare il lavoro ideale non è un’impresa semplice, ci si può sentire scoraggiati davanti a tutto il cammino da percorrere, o spaventati all’idea di stravolgere la propria vita. Si tratta di paure e incertezze assolutamente comprensibili, per il timore di lasciare il sicuro per l’insicuro. La scelta è difficile, ma i premi possono essere “dettagli non trascurabili” come serenità e felicità.

 

 

 

 

You May Also Like