Obbligo di vaccinazione nelle scuole. Pronto il decreto legge

Questa settimana potrebbe essere varato l’obbligo di vaccinazione per accedere alle scuole. E’ quanto ha annunciato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, lo scorso venerdì 12 maggio al termine del Consiglio dei Ministri. Annuncio confermato poco dopo da Paolo Gentiloni, che ha subito avviato un approfondimento collegiale con i tecnici della Salute e il Miur per lavorare a un testo da presentare al prossimo Cdm.

obbligo di vaccinazioneLa decisione del Ministro della Salute è un tentativo di dare “una risposta concreta alla popolazione per la tutela della loro salute (…) a fronte del drammatico calo della copertura vaccinale”, ha dichiarato il Premier. Nella proposta della Lorenzin, si ipotizza, inoltre, un ampliamento delle vaccinazioni che, ha ricordato il Ministro in un Tweet, sono gratuite. Quindi accessibili a tutti.

Non mancano, tuttavia, le opposizioni. Già alla vigilia del Cdm il Ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, aveva sottolineato la pari importanza del “diritto costituzionale all’istruzione”, seppur dichiarandosi da sempre favorevole all’obbligo di vaccinazione, tanto più in presenza di un’emergenza nazionale.

Se, invece, in aula taluni si sono dichiarati “ideologicamente” contrari, altri hanno posto l’accento sulla logistica, talvolta carente.

Favorevoli, invece, gli esperti. Secondo Giovanni Maga, virologo dell’Istituto di Genetica Molecolare del CNR, è una “misura che dimostra l’attenzione verso la sanità pubblica”. Per Roberto Burioni, medico impegnato “pro-vaccini”, il provvedimento “renderà le scuole più sicure”.

In ogni caso, il provvedimento è stato, di fatto, già adottato o è in corso di adozione in molte regioni italiane quali Emilia, Lombardia e Trieste. Work in progress, invece, per Toscana, Piemonte, Puglia e Lazio, dove sono in via di stesura leggi che, in alcuni casi, richiedono l’obbligo di aver fatto tutte le vaccinazioni. A riprova che la richiesta di adottare un provvedimento nazionale sia partita proprio dalle amministrazioni locali.

Pro-vaccino il Segretario Nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG), Silvestro Scotti. “Siamo al fianco del ministro Lorenzin (…) Chi non vaccina i propri figli lede il diritto alla salute e all’istruzione dei bambini che non possono essere vaccinati per motivi di salute”.

L.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Bitnami