Legge di Bilancio 2018. Ecco le novità

La Legge di Bilancio 2018 prevede una manovra da 20,4miliardi di euro, di cui circa 9,5miliardi derivanti dall’efficientamento della spesa e da maggiori entrate -perlopiù dal contrasto all’evasione- e 10,9miliardi dal’effetto netto espansivo della manovra stessa, che interesserà soprattutto le aree meno avanzate del Paese.

In primis la manovra conferma la neutralizzazione delle clausole di salvaguardia -quindi nel 2018 non ci saranno aumenti delle aliquote dell’Iva e delle accise, così come molte misure di contenimento della pressione fiscale e sviluppo già previste nella precedente Legge di Bilancio (agevolazioni per interventi di ristrutturazione edilizia ed energetica, superammortamento e iperammortamento).Prorogata anche la misura di promozione delle piccole e medie imprese (“Nuova Sabatini”) per assicurare continuità operativa e qualificare ulteriormente gli investimenti in chiave “Industria 4.0.”.

La Legge di Bilancio 2018 fornirà anche incentivi strutturali per l’occupazione giovanile stabile, con uno sconto del 50% sui contributi previdenziali per le aziende che assumono giovani con contratti a tutele crescenti. Un provvedimento valido per tutte le assunzioni che partiranno da novembre 2017, ma con decorrenza da gennaio 2018, così come per le trasformazioni degli apprendistati in tempi indeterminati e per l’assunzione di studenti che abbiano svolto l’alternanza scuola-lavoro o un apprendistato per conseguire il titolo di studio.

Stanziate risorse anche per avviare i contratti del pubblico impiego e ampliati i destinatari dell’Ape sociale donna.
Meno restrittiva anche l’Ape a tempo determinato, che dal 2018 spetterà anche in caso di scadenza di un contratto a tempo determinato, a condizione che nei 3 anni antecedenti la cessazione del rapporto il lavoratore abbia svolto attività da lavoro dipendente per almeno 18 mesi.

Nella Legge di Bilancio 2018 anche una semplificazione della Rita (“Rendita integrativa temporanea anticipata”), l’erogazione di un bonus cultura per i 18enni e di un Pacchetto Miur destinato a ricercatori, professori universitari e dirigenti scolastici.

Oltre a una serie di misure per il Mezzogiorno, tra cui la proroga delle agevolazioni per le assunzioni a tempo indeterminato, la Legge di Bilancio prevede per la prima volta un “pacchetto” di misure dedicate esclusivamente allo sport, tra cui la creazione di un fondo ad hoc destinato a tutela della maternità delle atlete e incentivi di natura fiscale.

L.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Bitnami