Al via incentivi conversione a gas dei veicoli

Tornano gli incentivi per la conversione a gas dei veicoli, sia gpl che metano, per privati e aziende.

Alla campagna hanno aderito 674 comuni italiani, i cui residenti potranno richiedere un’agevolazione che copre circa un terzo dei costi. A darne la notizia il Consorzio Ecogas, che ha pubblicato sul proprio sito l’elenco dei comuni e ha aperto le prenotazioni per la conversione a gas dei veicoli e ottenere il contributo.

conversione a gasIl contributo può essere utilizzato per installare impianti a Gpl o a metano, sia su auto a benzina sia su commerciali a benzina o a gasolio e varia da 500 a 1.000 euro, a seconda del tipo di impianto montato. L’incentivo sarà applicato in qualità di sconto, riportato direttamente in fattura. Sarà poi il Comune ad erogare il rimborso direttamente alle autofficine.

La somma destinata è di 1.807.500 euro e darà la possibilità di trasformare da 5.164 a i 1.807 veicoli. Attualmente secondo Ecogas sono stati impiegati circa il 50% del fondo destinato ai cittadini e circa il 6% di quello destinato ai veicoli commerciali.

Le fasce previste come contributo sono 4:

  • 500 euro per installazione di impianti GPL su automezzi privati Euro 2-3 alimentati a benzina;
  • 650 euro per installazione impianti metano su automezzi privati Euro 2-3 alimentati a benzina;
  • 750 euro per i veicoli commerciali Diesel e benzina Euro 2-3-4-5 su cui montare impianti a Gpl;
  • 1.000 euro per l’installazione di impianti a metano sui commerciali a benzina Euro 2-3-4-5 e sui Diesel.

Per usufruire dell’agevolazione i cittadini devono risiedere in uno dei Comuni in elenco e recarsi presso uno degli installatori aderenti all’iniziativa. E’ possibile prenotare via internet il contributo tramite la procedura messa a disposizione sul sito www.ecogas.it.

Su alcuni Diesel trasformati a gas verrà inoltre montato un dispositivo portatile di misurazione delle emissioni (PEMS). Il principale inquinante monitorato sarà il Particolato (PM), oltre alle altre sostanze inquinanti previste per le omologazioni.

Ti potrebbero interessare anche:

Bitnami