Cresce l’attesa per Regus. Conto alla rovescia a Napoli

Anche in Campania le aziende sono alla ricerca di soluzioni flessibili e convenienti per i propri uffici.

Cresce la voglia di flessibilità di uffici e postazioni di lavoro in Campania e aumenta la richiesta da parte delle aziende di soluzioni convenienti per la gestione delle attività. Risponde Regus, il più grande fornitore al mondo di soluzioni di ufficio flessibili, che ha deciso di aumentare la propria presenza nel capoluogo campano.

Secondo l’ultima ricerca commissionata da Regus, si prevede che – anche in Campania – aziende di tutte le dimensioni vedranno l’ambiente di lavoro come un servizio, preferendo quindi soluzioni a termine e più flessibili ai contratti di affitto di lungo periodo o all’acquisto di uffici.
E’ risultato, infatti, che l’esigenza di ridurre i costi fissi dell’ufficio è una priorità fondamentale per le aziende (53%).

“La tendenza verso il lavoro flessibile è sempre più diffusa anche al sud – ha affermato Mauro Mordini, Regus Country Manager per l’Italia e Malta – e noi ci facciamo portatori di questo cambiamento offrendo una risposta snella e poco onerosa”.

Secondo il 32% degli intervistati, in particolare, la tendenza verso il lavoro flessibile dovrebbe interessare nello specifico le piccole aziende; per il 33% alla base del lavoro flessibile ci sono la ricerca di maggiore agilità lavorativa, mentre per il 39% l’esigenza di abbandonare i contratti di affitto fissi e di lunga durata che intralciano le necessità di ridimensionamento rapido di un’azienda.

“La nostra offerta – continua Mordini – è rivolta sicuramente a startupper, freelance e professionisti che puntano a tagliare i costi e ad adottare soluzioni vantaggiose, ma ancora più diffuso è il tema di flessibilità delle aziende. Mi riferisco alla possibilità di poter fare contratti della durata desiderata, espandersi o ridurre la dimensione degli uffici in base alle esigenze, non dover fare investimenti iniziali di ristrutturazione, usufruire di servizi in comune, etc. Difatti il 60% dei nostri clienti sono multinazionali, che usano i nostri spazi come un ufficio tradizionale, ma potendo scegliere di essere flessibili. I contratti di affitto, infatti, vincolano le aziende a uno spazio aziendale, ma non stanno al passo con le esigenze in evoluzione degli affari”.

“In sostanza – conclude Mordini – si passa dal concetto di possesso a quello di utilizzo. E’ una realtà che in America ha già spopolato, figuriamoci in un contesto come quello napoletano molto più propenso alla creatività e la capacità di relazione. Qui, infatti, il tessuto produttivo locale offre grandi possibilità di crescita”.

Per maggiori informazioni visita: https://www.regus.it/workspace/na/napoli

Ti potrebbero interessare anche:

Bitnami