Green economy: aumentano le imprese verdi

Secondo il settimo rapporto GreenItaly 2016, condotto da Fondazione Symbola e Unioncamere, dall’inizio della crisi un’impresa su 4 ha deciso di puntare sulla green economy.

Le aziende italiane dell’industria e dei servizi che hanno fatto questa scelta sono oltre 385.000. Dal 2010, il 26,5% delle imprese hanno investito o investiranno nel breve periodo in tecnologie verdi. L’obiettivo è quello di ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di anidride carbonica.

green economyLe imprese green in Italia danno ormai lavoro a quasi 3 milioni di persone, che rappresentano circa il 13% del totale degli occupati. A trainare la crescita è il settore manifatturiero, nel quale gli occupati in aziende green rappresentano il 33%. In questo settore il 46% delle imprese che hanno investito nella green economy esporta, contro il 27,7% delle altre imprese; il 35,1% delle imprese verdi ha aumentato il fatturato nel 2015 a fronte del 21,8% delle altre; il 33,1% ha introdotto innovazioni, contro il 18,7% delle altre.

”Le imprese che hanno investito nel green e continuano a farlo dimostrano che il nostro posto nel mondo non è quello della competitività a bassi prezzi ma della qualità, fatta di attenzione al capitale umano, di bellezza, innovazione e sostenibilità. Investendo green le aziende diventano più sostenibili e soprattutto più competitive e aprono un sentiero che va verso il futuro” ha detto il presidente di Fondazione Symbola, Ermete Realacci.

Secondo il rapporto grazie alla green economy quest’anno 249 mila nuove assunzioni, pari al 44,5% della domanda di lavoro non occasionale. Una quota destinata a salire al 66% nel settore ricerca e sviluppo. Il contributo dei green jobs al PIL del Paese per il 2015 dovrebbe essere pari a 190,5 miliardi di euro, il 13% del totale complessivo.

”I dati dimostrano una volta di più che la scelta green paga.  Questo modello di sviluppo si sta rivelando uno strumento prezioso per intercettare nuovi stili di consumo e di vita” ha commentato il presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello.

Ti potrebbero interessare anche: