Auto a GPL e Metano, ripartono gli incentivi

Ritornano gli incentivi per coloro che decidono di convertire la propria auto, rendendola a GPL e metano. “ICBI” (Iniziativa Carburanti a Basso Impatto), iniziativa nata dell’Accordo di Programma tra Ministero dell’Ambiente e una Convenzione tra Comuni, era stata sospesa nel 2012 per esaurimento delle risorse, ma è stata rinnovata e metterà a disposizione fondi per 1,8 milioni di euro.

Per potersi aggiudicare gli incentivi messi a disposizione dall’iniziativa “ICBI”, gli automobilisti dovranno procedere alla prenotazione tramite il sito del Consorzio Ecogas, lo rende noto il Consorzio stesso ricordando che la campagna raggruppa oggi 674 Comuni sul territorio nazionale. 

gpl e metanoI fondi messi a disposizione dovrebbero coprire le conversioni di circa 4.500 veicoli e sono stati suddivisi tra tre interventi di incentivazione destinati alla trasformazione a GPL e metano: incentivi alle trasformazioni a GPL e Metano dei veicoli Euro 2 e Euro 3 immatricolati dopo il 01/01/1997; incentivi BI-FUEL destinati alle trasformazioni a GPL e Metano dei veicoli commerciali inferiori a 3,5t di categoria da Euro 2 in poi immatricolati dopo il 01/01/1997; incentivi DUAL-FUEL rivolti alle trasformazioni diesel/GPL e diesel/METANO con uso combinato dei due carburanti.

Il sistema di assegnazione dei contributi, pari a 750€ per il GPL e 1.000€ per il metano, avverrà sempre attraverso una procedura nella quale l’azienda dovrà compilare le schede di monitoraggio dei veicoli trasformati e non è cumulabile con altre forme di agevolazione statali (se previsto può andare a sommarsi a iniziative locali o private).

Ti potrebbero interessare anche: