Boom delle dichiarazioni dei redditi ‘fai da te’

E’ in crescita il numero di cittadini che ha scelto il ‘fai da te’ per la dichiarazione dei redditi precompilata e di non affidarsi ai servizi offerti da Caf e intermediari.

Anche se l’invio telematico delle dichiarazioni deve essere effettuato entro il 22 luglio, già più di 1 milione e mezzo di contribuenti ha provveduto a dichiarare direttamente i propri redditi, lo scorso anno le dichiarazioni autonome sono state 1,4 milioni.
precompilataL’Agenzia delle Entrate conferma il buon andamento delle dichiarazioni dei redditi online ed è fiduciosa che il numero di utenti crescerà ulteriormente, dato che a 20 giorni dalla scadenza sono ancora oltre 400 mila i contribuenti che hanno elaborato la precompilata ma l’hanno solo salvata e non ancora inviata. Il servizio di dichiarazione precompilata è al secondo anno ma è riuscita a crescere nel numero di potenziali beneficiari ed anche nel numero dei dati che contiene.

La percentuale dei contribuenti che hanno scelto il download e l’invio in autonomia di 730 e dichiarazioni Unicoweb ha già superato il 10% in regioni come la Lombardia (10,5% di modelli già spediti) e il Friuli Venezia Giulia (10,2%), seguite a ruota dal Veneto (8,8%). Dall’analisi sui dati provinciali emergono ai primi posti la provincia di Monza e della Brianza (13,4%), quella di Lecco (12,9%) e quella di Trieste (12%).

Il successo della precompilata spinge anche tutti gli altri servizi telematici del fisco, che è passato dai 4,5 milioni di utenti abilitati del 28 luglio 2015 ai 5,3 milioni del 30 giugno di quest’anno, a cui si vanno ad aggiungere altre 269 mila utenze che utilizzano il servizio Entratel.

Ti potrebbero interessare anche:

Bitnami