CV perfetto: ecco come scrivere un buon curriculum vitae

Chi cerca lavoro, prima di rispondere ad annunci a inserzioni varie, deve occuparsi del proprio CV. Un CV perfetto i termini assoluti non esiste, ma si può in ogni caso tentare di strutturarlo nel modo migliore, oltre che veritiero. Ecco i 10 suggerimenti di ING per farlo.

Innanzitutto, il CV deve essere adattato all’annuncio per cui volete candidarvi. A seconda dell’azienda, settore di attività e mansione, bisogna mettere in evidenza le skill ed esperienze lavorative più significative ai fini della selezione. Tutto ciò che è ininfluente, invece, va sintetizzato o eliminato.Naturalmente, il vostro CV deve essere aggiornato con le vostre informazioni personali. Compresa una vostra foto, e che sia recente e appropriata. Quindi, badate bene a mettere numero, domicilio e profili social -solo se inerenti la figura selezionata e non relativi a hobby e dintorni.

Una mossa smart è quella di riprendere, poi, parole, aggettivi e concetti presenti nell’annuncio di vostro interesse. Tali similitudini salteranno subito all’occhio, sia che lo screening dei curricula avvenga manualmente sia tramite software.

Less is more. Un CV troppo lungo rischia di penalizzarvi. In media i selezionatori dedicano 30 secondi alla visualizzazione di ogni profilo, per cui le informazioni che ricercano devono essere facilmente visivamente reperibili. Ovviamente, breve implica una sintesi non un’incompletezza delle informazioni.

I selezionatori valutano positivamente anche attività non lavorative quali esperienze di volontariato, periodi di studio all’estero o qualunque informazione accessoria che possa essere utile a delineare meglio il vostro profilo e che sia rilevante ai fini della posizione d’interesse.

Dire la verità è fondamentale. Tanto prima o poi -a colloquio- verrebbe a galla. Sempre che non sia palesemente riconoscibile, il che vi penalizzerebbe persino da un primo incontro conoscitivo.

Il CV è il vostro primo biglietto da visita e, qualunque sia la posizione, è bene che sia scritto correttamente, sia da un punto di vista ortografico che grammaticale.

Terminato il CV, è sempre consigliabile integrarlo con una lettera di presentazione indirizzata al responsabile della selezione. Breve, concisa e incisiva, che può evitarvi di vedere il vostro CV scartato a priori.

L.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Bitnami