Inps: 1.000.000 di nuovi posti di lavoro in 7 mesi

1 milione di nuovi posti di lavoro nel settore privato in sette mesi, la metà sono a tempo determinato.

Secondo i dati Inps nei primi sette mesi del 2017 ci sono stati 1.073.000 nuovi posti di lavoro. Il saldo superiore a quello del corrispondente periodo sia del 2016 che del 2015. Le assunzioni a tempo indeterminato sono state 18.000 ma la loro quota diminuisce al 24%.

lavoroL’inps ha spiegato che il saldo annualizzato, relativo agli ultimi 12 mesi, “risulta positivo” e “pari a +571.000”. Il dato è frutto della “crescita tendenziale dei contratti a tempo indeterminato (+18.000), dei contratti di apprendistato (+52.000) e, soprattutto, dei contratti a tempo determinato (+501.000, inclusi i contratti stagionali)“.

Il saldo positivo è superiore a quello del corrispondente periodo sia del 2016 (+825.000) che del 2015 (+930.000). Secondo l’Osservatorio sul precariato dell’Inps, riportato su base annua, il saldo consente di misurare la variazione tendenziale delle posizioni di lavoro che risulta sempre positiva e in crescita continua da inizio anno.

L’Inps rimarca la forte crescita delle assunzioni. Nei mesi di gennaio-luglio 2017 sono risultate 4.182.000, in aumento del 18,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le cessazioni sono state 3.108.000, +15% rispetto all’anno precedente.

Il maggior contributo è dato dalle assunzioni a tempo determinato (+25,9%) e dall’apprendistato (+25,9%). Sono invece diminuite quelle a tempo indeterminato (-4,6%). In questo caso, secondo l’Inps, il calo rispetto al 2016 è interamente imputabile alle assunzioni a part time.

Tra le assunzioni a tempo determinato è significativo l’incremento dei contratti di somministrazione (+20,4%) e ancora di più quello dei contratti di lavoro a chiamata che, con riferimento sempre all’arco temporale gennaio-luglio, sono passati da 112.000 (2016) a 251.000 (2017), con un incremento del 124,7%.

Ti potrebbero interessare anche:

Bitnami